Italiano English Home Page

Scopri le nostre ricette:

Fonduta valdostana

La fonduta valdostana è una specialità dedicata a tutti gli amanti del formaggio. Si tratta di una crema di Fontina fumante, servita spesso in ciotole di terracotta, riscaldate da una candela o un fornelletto.

  • 400 g di Fontina D.O.P.
  • 300 g di latte
  • 4 uova, burro
  • Pane nero
  • Patate lesse
  • Noce moscata

Tagliare la Fontina a pezzetti e metterla in un recipiente di terracotta. Coprirla con il latte e lasciarla macerare per 24 ore; la Fontina al momento di essere usata dovrà essere quasi del tutto sciolta. Porre il recipiente di terracotta a bagnomaria con acqua fredda e, a fiamma bassa, portare l'acqua ad ebollizione. Sempre mescolando con un cucchiaio di legno, fondere il formaggio fino ad ottenere una crema densa e omogenea. Unire i tuorli mescolando vigorosamente. Servire immediatamente, con una spolverata di noce moscata, accompagnandola con pane nero caldo e patate lesse tagliate a pezzi. L'ideale sarebbe servire la Fontina nello stesso recipiente di terracotta, mantenendolo caldo da un fornelletto da tavola.

Buon Appetito!

Vai alla ricetta
Gnocchi alla bava

Gli gnocchi alla bava rappresentano un primo particolarmente allettante soprattutto per gli amanti dei condimenti filanti. Il sapore deciso della Fontina si sposa alla perfezione con la delicatezza degli gnocchi, creando un binomio perfetto.

  • 250 g di farina di grano saraceno
  • Farina 00 250g
  • Acqua 300ml
  • Sale fino un pizzico
  • Fontina 200g
  • Pepe nero qb
  • Sale fino qb
  • Latte intero 200 g

GNOCCHI
Versare le due farine in una ciotola e miscelarle. Unire una presa di sale e tanta acqua quanto basta per ottenere un composto sodo e omogeneo. Coprire il composto con un canovaccio e farlo riposare per almeno 30 minuti. Trascorso questo tempo, formare gli gnocchi ricavando prima dei cordoncini e poi dei tocchetti di circa 2 cm di lunghezza. Rigarli a piacere.
CONDIMENTO
Tagliate la fontina a cubetti di circa 1 cm. Prendete un tegame e versatevi il latte. Scaldate e aggiungete la fontina. Fate sciogliere la fontina a fuoco basso, mescolando bene con un cucchiaio di legno. La fontina deve sciogliersi totalmente e amalgamarsi bene al latte senza produrre grumi. Aggiustate di pepe. Quando la fontina si sarà totalmente sciolta, spegnete il fuoco e versatela sugli gnocchi.

Buon Appetito!

Vai alla ricetta
Cotolette alla valdostana

Le cotolette alla valdostana sono un golosissimo secondo patto a base di carne, una sorta di cordon bleu tipico della tradizione della cucina regionale della Valle d'Aosta.

Per 6 cotolette:

  • 400 gr di fettine di vitello (12 fettine fini)
  • 100 g di Fontina Valdostana DOP
  • 80 g di prosciutto cotto
  • 2 uova
  • pangrattato
  • sale
  • pepe
  • olio di semi

Posizionate metà delle fettine su un tagliere, se serve assottigliatele con un batticarne. Farcitele con una fettina sottile di fontina e poi con il prosciutto. Chiudete con una seconda fettina di vitello (sempre battendola prima leggermente, se necessario). Impanate le cotolette: passatele prima nelle uova, leggermente sbattute con un po' di sale e pepe, imbevendo anche i lati. Quindi passatele nel pangrattato su tutti i lati, in modo da sigillarli. Friggete quindi le cotolette in olio ben caldo, rigirandole per una cottura uniforme, fino ad ottenere una bella doratura. Man mano che sono pronte, poggiate le cotolette su un piatto ricoperto di carta assorbente. Servite subito le vostre cotolette alla valdostana.

Buon Appetito!

Vai alla ricetta
Polenta concia

La polenta, antichissimo piatto a base di acqua e farina di cereali è molto diffuso nelle zone del nord Italia e nella regione alpina in particolare. La variante più conosciuta in Valle d'Aosta è la Polenta Concia, che vede l’aggiunta di formaggio e burro.

  • 300 g di farina gialla
  • 150 g di Fontina Valdostana DOP
  • 100 g di burro
  • Sale

Prima di tutto bisogna preparare la polenta: si mette in una grossa pentola dell’acqua salata. Raggiunta l’ebollizione, si aggiunge la farina. Mescolare continuamente per 45 min. evitando che si formino grumi. Un paiolo per cuocere la polenta, di solito dotato di un piccolo motore elettrico che muove una paletta, aiuta molto in questa circostanza. Quando noteremo che alle pareti della pentola si sarà formata una sottile crosta, la polenta potrà dirsi pronta. A questo punto basterà aggiungere la Fontina DOP tagliata a dadini e il burro. Mescolare ancora fino a fare sciogliere i due ingredienti e la Polenta Concia sarà pronta. In questa ricetta la polenta si presenterà più morbida, quasi liquida rispetto ad un metodo tradizionale. Ciò è dovuto all’uso del burro e del formaggio mischiato nel composto farinaceo. La ricetta, che come tutte le ricette storiche, non è unica, ma varia da cucina a cucina, da famiglia a famiglia, non si presenta difficile.

Buon Appetito!

Vai alla ricetta
Insalata al formaggio

Se volete provare una ricetta sfiziosa, ma leggera, con protagonista il formaggio, l’insalata di toma, sedano e noci è sicuramente ciò che fa al caso vostro.

  • 200 g di sedano bianco
  • 100 g di Toma della Valle di Gressoney
  • 50 g di noci
  • Sale
  • Pepe nero macinato fresco e olio extravergine

Eliminate le foglie del sedano, i filamenti e la parte più legnosa del gambo. Su un tagliere affettatelo sottilmente (tra 1 e 5 mm a) e mettetelo in una ciotola. Tagliate la Toma in piccoli dadini di circa 5 mm e mettere anch’essi nella ciotola con il sedano. Sul tagliere ben asciutto, tritate grossolanamente i gherigli di noce. Scaldate una padellina antiaderente (senza alcun grasso o olio), e tostatevi le noci tritate. Devono essere appena tiepide e profumate. Rovesciate le noci calde sul composto di sedano e robiola, condite con sale e olio a piacimento e mescolate rapidamente. Servite l’insalata con pepe nero macinato fresco.

Buon Appetito!

Vai alla ricetta
Crespelle alla valdostana

La versione italiana delle crêpes francesi salate ha un cuore morbido di fontina filante: dalla Valle d’Aosta la ricetta regionale che scalderà le domeniche d’autunno.

  • 0,5l di latte e 50g di burro
  • 50g di farina
  • Sale e pepe bianco qb
  • 300g di farina
  • 0,5l di latte e 50g di burro
  • 2 uova
  • 1 tuorlo
  • Sale qb
  • 200g di prosciutto cotto affumicato
  • 200g di Fontina D.O.P.

Per 12 persone:
BESCIAMELLA
Preparate la besciamella facendo fondere in un pentolino 50 gr di burro. Unite la farina e fatela tostare per 5 minuti, mescolando e facendo molta attenzione che non imbiondisca. Togliete dal fuoco e versate il latte freddo poco alla volta facendo attenzione che non si formino grumi. Rimettete sul fuoco. Pepate, salate e lasciate cuocere per 10 minuti a fiamma bassissima, sempre mescolando.
CRESPELLE
Fate fondere 30 gr di burro in un pentolino, facendo attenzione che non prenda colore. Stemperate la farina con il latte in una ciotola, aggiungete le uova e il tuorlo e lavorate con una frusta. Unite il burro fuso, salate e lasciate riposare per 30 minuti. Fate sciogliere un po’ del burro rimasto in una padellina antiaderente. Versate un mestolino di pastella, fate rapprendere e dorare da entrambe le parti. Preparate così 12 crespelle.
RIPIENO
Tagliate a dadini il prosciutto e la fontina, farcite le crespelle, arrotolatele e disponetele in una pirofila imburrata. Ricoprite le crespelle con la besciamella, agitate un po’ la pirofila per distribuire la besciamella. Cospargete con qualche fiocchetto di burro e fate cuocere in forno caldo a 200 °C per 10 minuti, fino a quando si sarà formata una bella crosticina dorata.

Buon Appetito!

Vai alla ricetta